Giuseppina Rotondi DISCIPLINE INTEGRATE PER LO SVILUPPO DELLA COSCIENZA
Home » Costellazioni Familiari

Costellazioni Familiari

SEMINARI A FAVORE DELLA VITA...

SEMINARI A FAVORE DELLA VITA... - Giuseppina Rotondi

 

Seminario di
Costellazioni Familiari Spirituali
 


condotto da
Giuseppina Rotondi
  
“ORIGINAL Hellinger® Familienaufsteller”

13 - 14 - 15 Settembre 2019

ORARI: Venerdì 20,30 - 23 / Sabato e Domenica 9,30 - 18,30
Gli orari di chiusura potrebbero subire cambiamenti

Informazioni e iscrizioni

Per iscriversi è necessario richiedere il modulo di iscrizione a giuseppina.rotondi@yahoo.it

GIUSEPPINA ROTONDI

Via Caivola, 2 (Borgo Lavacchiello)
40050 Monterenzio - Bologna

Tel. 333 1015344
giuseppina.rotondi@yahoo.it
www.giuseppinarotondi.it

Per chi arriva da altre città, nelle mappe di GOOGLE scrivere Giuseppina Rotondi

Il libro "genitori diversi"

Il libro "genitori diversi" - Giuseppina Rotondi

Un'esperienza di "madre diversa" vista nella cornice sistemica delle Costellazioni Familiari di Bert Hellinger.

L'esperienza di una donna, madre di una figlia disabile, che è riuscita a trasformare l'angoscia e la depressione in una nuova grande consapevolezza di vita, ritrovando la gioia e l’amore per se stessa e per gli altri. 
Il libro si articola in una danza tra racconto e riflessione e accompagna il lettore in un processo di auto-osservazione, offrendo nuovi spunti e nuovi modi di guardare alla genitorialità e alle relazioni affettive, al di là del tema della disabilità.

Un libro utile per comprendere meglio le Costellazioni Familiari dall'esperienza diretta di Giuseppina Rotondi da diversi anni nel campo dell'aiuto formata con Bert e Sophie Hellinger, presso la Hellinger®schule con il metodo Hellinger sciencia®.

 


Il libro può essere acquistato su 
"Il Giardino dei Libri"
o direttamente al Centro "La Capanna dell'Anima"
Tel. 333 1015344
giuseppina.rotondi@yahoo.it




Ritrovare il proprio posto nella nostra vita...

Ritrovare il proprio posto nella nostra vita... - Giuseppina Rotondi

Le Costellazioni Familiari sono un metodo fenomenologico sviluppato da Bert Hellinger, il quale nel corso dei numerosi anni di esperienza in campo di terapie sistemiche, ha potuto osservare come ogni individuo non è solo, ma parte di un sistema familiare da cui proviene.

Se l’individuo si apre alla percezione di questo senso di appartenenza e ritrova il suo “ordine” e il suo giusto “posto” all’interno del suo gruppo familiare, acquisisce un senso di continuità e al tempo stesso si alleggerisce di dinamiche, anche sconosciute, che possono causare blocchi sia nella vita personale che professionale.
La conoscenza e il rispetto di questi “ordini” aiutano a ristabilire l’armonia e l’equilibrio non solo all’interno del gruppo familiare, ma anche nelle relazioni tra componenti di altri gruppi, come può essere quello professionale.
La consapevolezza che tutte le esperienze umane, anche le più dolorose, sono unite nella grande rete energetica dell’evoluzione della propria famiglia di origine, incoraggia profondamente la compassione, il rispetto per sé stessi e per gli altri.
 Nella pratica le Costellazioni Familiari assumono le sembianze di rappresentazioni teatrali in cui viene “messa in scena” la famiglia della persona o il sistema nel quale fare chiarezza, grazie a rappresentanti che vengono scelti tra i componenti del corso; si ha così una visione più chiara della dinamica che genera squilibrio e disarmonia all’interno del sistema in esame.
Il padre delle Costellazioni Familiari è Bert Hellinger, il quale nel corso dei numerosi anni di esperienze in campo psicoterapeutico, ha studiato e osservato le dinamiche all’interno delle famiglie delle persone che si rivolgevano a lui, arrivando a sviluppare questa tecnica su principi che da sempre regolano i rapporti all’interno dei gruppi familiari e dei gruppi in genere, i cosiddetti ORDINI DELL’AMORE:
 

- uguale diritto all’appartenenza
L’appartenenza al proprio sistema familiare è la base delle Costellazioni Familiari, perché il senso di appartenenza è come il DNA che ci portiamo nelle nostre cellule, e del DNA non ne possiamo fare a meno.

Tutti i componenti di un sistema familiare hanno il medesimo diritto di appartenere al proprio “gruppo” e nessuno li può escludere sia consciamente che inconsciamente, qualsiasi colpa essi abbiano commesso, altrimenti verranno  rappresentati in futuro da qualcuno della famiglia stessa che prenderà su di sé, inconsapevolmente ma sempre per Amore, le loro sensazioni ed emozioni conseguenti all’esclusione (rabbia, rancore, dolore) dando origine al cosiddetto “irretimento”.

La persona irretita non riuscirà a vivere a pieno la sua vita, perché sarà condizionata dai sentimenti di chi rappresenta;

- chi è appartenuto una volta al sistema, vi apparterrà per sempre 
Non solo persone ancora vive, ma anche i morti o coloro che si sono sacrificati per lasciare il posto al sistema attuale;

- ordine determinato dai tempi di appartenenza (il cosiddetto ordine di rango)
Chi appartiene da più tempo deve essere rispettato come tale e ha maggiore influenza nell’andamento del sistema: chi è arrivato per prima non può essere sorpassato da chi arriva dopo.
 

Se uno non è al posto giusto anche quelli che sono intorno vacillano diventando inquieti e rabbiosi nei confronti di chi non è al proprio posto.

 

I MIEI APPROCCI CON LE COSTELLAZIONI FAMILIARI
I miei primi approcci con le Costellazioni Familiari sono stati davvero di “tipo familiare” e devo dire che non avevano subito alimentato la mia curiosità, perchè la paura di affrontare cose riguardanti la mia famiglia di origine, mi incutevano dolore e paura.

Per caso (e io non credo al caso) mi sono ritrovata un giorno in libreria a comprare il “Manuale” delle Costellazioni Familiari: “Gli Ordini dell’Amore” di Bert Hellinger.
Ho iniziato a leggerlo un sabato pomeriggio d’inverno seduta davanti al camino della mia sala.
Via via che andavo avanti nelle pagine, mi sentivo invadere da una tranquillità interiore mai provata prima e una rilassatezza completamente nuova per me, soprattutto nei paragrafi riguardanti “genitori e figli”.
Sentivo che si aprivano degli spiragli e delle visioni che fino ad allora non avevo mai preso in considerazione eppure le cose che leggevo mi sembrava già di conoscerle da tanto, tanto tempo, come se fossero sempre state dentro di me. 
Quante volte leggendo mi son detta: “Ma questa la so, che stupida, perché non c’ho pensato prima!”
E quante lacrime ho pianto leggendo quel libro, un pianto che diceva “Finalmente...”.
Finalmente ogni parte cominciava ad avere un posto preciso dentro di me, e il primo da riconquistare era quello di essere principalmente figlia…e ricominciare a vedere mia madre come la mia mamma, la donna venuta prima di me e io dopo di lei…E pian piano, tra lo scorrere delle righe, saliva leggera come una nuvola, la consapevolezza di quanta arroganza e di quanta presunzione, fino ad allora, avevo tenuto nascosto ben bene sotto quel velo di  “buonizia” e di utopia del riuscire a risolvere i problemi del mondo!
Soprattutto quando di trattava dei miei genitori, arrivavo io, la salvatrice, quella che sapeva come fare, quella che poteva reggere tutto.
Più leggevo più avevo la sensazione che qualcuno mi stesse togliendo un macigno da 100 chili di dosso.
E’ come se le Costellazioni, con le loro “regole e principi”, mi avessero donato una pace e una tranquillità interiori, proprio come fanno con i figli  le regole di un padre.

Le Costellazioni hanno dato un posto ad ognuno nella mia vita, mi hanno aiutato con mia madre, con mio padre, con mia figlia, con suo padre, con il mio secondo marito, con i miei fratelli; ho potuto sperimentare che quando rispetti il ruolo e il posto di ogni persona all’interno della famiglia, senza voler aggiungere o togliere niente, tutti si sentono a loro agio, accettati, accolti, compresi.
Dopo pochissimi mesi da quel primo libro mi sono iscritta alla Hellingerschule di Bolzano dove ho potuto conoscere Bert Hellinger e lavorare direttamente con lui. 

Per me le Costellazioni Familiari sono diventate una filosofia di vita di cui non ne posso fare a meno e attraverso il mio lavoro cerco di farle conoscere a quante più persone possibile.

 

I miei seminari di Costellazioni Familiari

I SEMINARI DI COSTELLAZIONI FAMILIARI DI GIUSEPPINA ROTONDI
Organizzo da diversi anni seminari di Costellazioni Familiari “ORIGINAL Hellinger® Familienaufsteller” (Costellatore diplomato ORIGINALE Hellinger®).
Per motivi familiari svolgo il mio lavoro prevalentemente nel piccolo Borgo dove abito, un posto meraviglioso come Lavacchiello nel comune di Monterenzio in Provincia di Bologna.

Ho avuto il grande onore di fare la mia formazione direttamente con il padre delle Costellazioni Familiari, Bert Hellinger  ma anche con i suoi storici docenti tra cui Günter Schricker che in seguito è stato il relatore della mia tesi finale intitolata "Costellazioni Familiari, musica, movimento... verso la vita".

Dopo i tre anni di formazione, ho passato un altro anno per scrivere la tesi e farla tradurre in tedesco, ma ringrazio quel periodo che ha rappresentato per me un'ulteriore opportunità di ripercorrere il viaggio meraviglioso di quegli anni che hanno cambiato e stravolto la visione della mia vita, nonostante fossi già Counselor Professionista con alle spalle anni di lavoro. 

I principi delle Costellazioni Familiari seguono il flusso naturale della vita, come lo scorrere di un fiume. Percorrerlo controcorrente vuol dire vivere con fatica, rabbia, paura e difficoltà. Accettare di cambiare direzione per mettersi al "proprio posto" può essere a volte difficile e doloroso ma la gioia e la serenità che nel tempo portano, sono impagabili. 

Durante i miei seminari spiego che non è indispensabile fare la propria Costellazione ma vivere e respirare l’energia e il movimento che si crea. Il gruppo rappresenta il nostro sistema familiare e per questo nulla di ciò che accade è a caso. Il solo partecipare porta guarigione all'anima. Questo è il motivo per cui i miei seminari vengono molto spesso organizzati in due o tre giorni, per dare tempo alla propria anima di entrare in contatto con un nuovo movimento.

“Lasciamo per un attimo il nostro ego e diamo spazio e tempo alla nostra Anima”.